Finanziamenti  Europei

Per l’attuazione degli obiettivi comunitari definiti nel quadro della Strategia europea per la crescita Europe 2020,  l’Unione Europea si avvale di diverse tipologie di finanziamento.  La distinzione principale riguarda:


  • Finanziamenti a Gestione Indiretta
  • Finanziamenti a Gestione Diretta
  • Altri Strumenti Finanziari

Si tratta di finanziamenti a gestione indiretta in quanto il budget viene speso tramite un sistema di responsabilità condivisa tra la Commissione Europea e le autorità degli Stati Membri.

Il rapporto con il beneficiario finale, pertanto, non è diretto ma mediato dalle autorità nazionali, regionali e locali che hanno il compito di emanare i bandi e gestire le risorse comunitarie.

Finanziamenti a Gestione Indiretta

L’obiettivo principale di questi fondi è di ridurre le disparità economiche, sociali e territoriali tra le varie regioni europee.

La maggior parte dei fondi è pertanto destinata alle regioni più povere dell’UE.

Ai finanziamenti indiretti appartengono i Fondi Strutturali che si distinguono in:

 

In aggiunta, due fondi specifici per l’agricoltura e la pesca:

  • Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale – FEASR 
  • Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca – FEAMP

I fondi diretti sono gestiti direttamente dalle diverse Direzioni Generali della Commissione Europea (ricerca, istruzione, ambiente, trasporti, etc…) e da Agenzie Esecutive da essa delegate, tramite la pubblicazione di bandi sotto forma di:

  • Inviti a presentare proposte (Call for Proposals)
  • Gare d’appalto (Calls for Tenders)

Con gli inviti a presentare proposte la Commissione europea intende assegnare sovvenzioni, cioè contributi a fondo perduto per cofinanziare progetti specifici. Le risorse assegnate vanno, pertanto, integrate da risorse proprie dei beneficiari.

Attraverso le gare d’appalto, invece, la Commissione stipula contratti pubblici con i beneficiari selezionati per l’erogazione di servizi, beni o per l’esecuzione di lavori per garantire lo svolgimento delle attività delle Istituzioni.

I fondi diretti finanziano principalmente idee progettuali innovative per l’attuazione dei programmi tematici dell’Ue, che devono essere realizzate nella maggior parte dei casi in partenariato con altri paesi europei.

I principali programmi tematici dell’Unione Europea sono:

  • HORIZON 2020   nel campo della ricerca e dell’innovazione.
  • COSME   dedicato alle piccole e medie imprese.
  • ERASMUS+   per la formazione, la gioventù e lo sport.
  • LIFE+ in materia ambientale.
  • EaSI  il nuovo programma europeo per l’occupazione e la politica sociale.
  • CREATIVE EUROPE per il supporto dei settori cultura e media.
Finanziamenti Gestione Diretta - Piramide

L’Unione Europea sostiene gli imprenditori anche tramite strumenti finanziari propri come prestiti, garanzie, capitale di rischio e altra forme di finanziamento azionario.

Questi strumenti sono gestiti da intermediari finanziari come le banche, i fondi di capitale di rischio e altri istituti finanziari.

La decisione di erogare un prestito, una garanzia o un finanziamento di capitale azionari o di rischio viene presa dall’istituzione finanziaria locale.

Le condizioni di finanziamento (importo, durata, tassi di interesse e commissioni) variano in base all’istituzione finanziaria erogante.

Strumenti Finanziari

Si tratta principalmente di due categorie di strumenti finanziari.


Strumenti finanziari previsti dai PROGRAMMI TEMATICI:

  • Strumenti finanziari previsti dal programma HORIZON 2020 per facilitare l’accesso ai finanziamenti per imprese innovative, centri di ricerca, università, partnership pubblico-private.
  • Strumenti finanziari previsti dal programma COSME gestiti dallo European Investment Fund (EIF) in cooperazione con gli intermediari finanziari presenti nei paesi europei.
  • Progress Microfinance nel programma EaSI indirizzato agli enti di micro-credito presenti nei paesi europei.


Strumenti finanziari che rientrano nella Politica di Coesione previsti per favorire co- finanziamenti pubblici e privati al fine di rendere più efficiente l’allocazione delle risorse pubbliche.

This content is available also in English